Storie appassionanti

Vittima di abusi, Flora cresce prigioniera nel bagno del proprietario. Oggi la libertà tra le montagne

Ci sono storie difficili da ascoltare.

 

L'estate scorsa, quando Flora viene scoperta e recuperata, i soccorritori stentano a credere alla realtà di cui è stata vittima.

 

La giovane San Bernardo viveva rinchiusa nel bagno di un appartamento. Dopo averla acquistata in un allevamento quando era solo un cucciolo, il proprietario la confina nel bagno della propria abitazione.

 

A quella sola stanza si ridurrà la vita di Flora per due anni.

 

flora-3Fonte: @PassioneSanBernardo

 

Soltanto in seguito al ricovero del proprietario – a causa di disturbi mentali -, la sua esistenza e i dettagli della sua storia verranno alla luce.

 

Quando i soccorritori giungono nell'appartamento, ad attenderli è l'ombra di un cane della sua razza ed età.

 

Non essendo mai stata portata a passeggiare e non avendo molto spazio per muoversi, il suo fisico appare tanto fragile e denutrito quanto il suo spirito depresso. Oltre a non fornirle uno spazio sufficiente per vivere, la stanza era sporca e la vasca trasformata in contenitore per gli escrementi.

 

Ad aggiungere una nota di orrore alla vicenda, la constatazione dei veterinari che la cagnolina non solo era stata privata dei sui bisogni elementari, ma aveva subito anche abusi di natura sessuale.

 

flora-1

Fonte: @PassioneSanBernardo

 

I vicini affermeranno non aver mai notato la presenza dell'animale nell'arco di tempo che precede il salvataggio. Tragica conferma che l'animale non era mai stato portato all'esterno, e cosa più dolorosa, aveva sempre sofferto in silenzio.

 

Due delle soccorritrici, Isa e Marzia, decidono di rivolgersi all'associazione Passione San Bernardo, specializzata nel recupero e nel ricollocamento di cani dal passato difficile.

 

Nonostante il salvataggio sia avvenuto durante i mesi estivi, quando la sua storia viene diffusa, le richieste da parte di quanti volevano offrirle una nuova vita si moltiplicano.

 

Tra esse, quella di una famiglia dalla Valle d'Aosta.

 

A sua insaputa, Flora, che non aveva conosciuto altro che la sterilità di una stanza, stava per voltare pagina.

 

flora-2Fonte: @PassioneSanBernardo

 

Dopo il viaggio in macchina con la volontaria Marzia, la San Bernardo raggiunge l'abitazione dove la sua umana Maria Pia, il marito Livio, la figlia Arianna e il futuro amico di zampa Zeus l'attendono scalpitanti.

 

Flora stava per conoscere quella felicità – fino ad allora sconosciuta – della prima di infinite passeggiate tra le montagne, circondata dall'affetto di una famiglia, che caratterizza oggi la sua vita.

 

flora-5Fonte: @PassioneSanBernardo

 

Se oggi possiamo raccontare questa storia è grazie all'impegno dei volontari e dell'associazione Passione San Bernardo che opera per dare una seconda opportunità ai cani in difficoltà.

 

Per conoscere il suo operato e sostenerla, potete cliccare qui.

ADVERTISING