Storie appassionanti

Trascorreva le giornate sola, attaccata a un albero, in attesa di essere venduta

Specie a rischio di estinzione, tra una decina d'anni potrebbe non fare più parte del nostro ecosistema.

 

Eppure, l'allarme lanciato dagli esperti non impedisce ai bracconieri di perseverare nel traffico illegale di animali da compagnia, continuando a strappare centinaia di grandi primati all'habitat a cui appartengono, ogni anno.

 

rawit-orang-outan-arbre-1
Fonte: Center for Orangutan Protection's APE Crusaders

 

Come è accaduto a Rawit, catturata da degli abitanti dell'Isola del Borneo. La scimmia si era avvicinata alle zone abitate alla ricerca di cibo, cacciata dalla giungla dalla deforestazione prodotta dall'espandersi delle fabbriche di olio di palma.

 

Legata a un albero, Rawit era destinata ad essere venduta, ma l'intervento congiunto della squadra di volontari delle associazioni in difesa degli oranghi, la Center for Orangutan Protection's APE Crusaders e la Orangutan Outreach, l'ha salvata da un destino tanto crudele.

 

rawit-orang-outan-borneo-2

Fonte: Center for Orangutan Protection's APE Crusaders

 

Una volta slegata, Rawit viene sottoposta a un esame veterinario per stabilire le sue condizioni di salute; mani e piedi portano i segni della cattività. Solo dopo due settimane, la piccola femmina di orango sembra recuperare le forze.

 

rawit-orang-outan-borneo-3
Fonte: Center for Orangutan Protection's APE Crusaders

 

E' allora che i volontari si inoltrano per mezzo di una barca nella foresta protetta, dove Rawit viene lasciata, in compagnia di altri simili, per ritornare alla libertà in natura. Anche se la sua storia è a lieto fine, sono ancora molti gli oranghi che non possono godere della stessa fortuna.

Minacciati dalle fabbriche di olio di palma, la conseguente deforestazione, il bracconaggio per il mercato illegale di animali da compagnia, questa specie ha perso circa l'80 % del loro habitat naturale in vent'anni. Il loro declino demografico riguarda l'80 % della popolazione degli oranghi di Sumatra nel corso degli ultimi 75 anni, e il 50% degli oranghi del Borneo negli ultimi 60 anni.

Numeri che spaventano, su cui riflettere.

 

rawit-orang-outan-borneo-5Fonte: Center for Orangutan Protection's APE Crusaders

 

Per sostenere la missione del Center for Orangutan Protection's APE Crusaders, potete recarvi qui.

 

Fonte: The Dodo

ADVERTISING