News

Tartaruga con lo stomaco pieno di plastica, simbolo dell’inquinamento degli oceani

ADVERTISING

Una tartaruga, ritrovata circa un mese fa su una spiaggia di Chanthaburi, in Thaïlandia, ha perso la vita nonostante i disperati tentativi dei volontari di salvarle la vita. La morte è stata provocata dalla quantità astronomica di plastica ritrovata nello stomaco dell'animale.

 

Questo fatto da seguito al dibattito che aveva infiammato gli animalisti iniziato qualche settimane fa dalla morte del delfino-pilota, morto in condizioni simili.

 

Fonte: AFP

 

Ancora una volta, l'inquinamento della Thailandia fa un'altra vittima, che è il primo consumatore di plastica al mondo ma che evidentemente non riesce a smaltire in modo da mantenere le acque pulite.

 

Weerapong Laovechprasit, veterinario del Centro di sviluppo e di ricerca per le risorse costiere e marine dell'Est, spiega:

 

La tartaruga era così debole che non riusciva a nuotare. La causa principale della morte sono i rifiuti marini.

 

Fonte: AFP

 

Lo stomaco del rettile era pieno di tappi di bottiglia, elastici per capelli e pezzi di plastica. L'equipe che ha soccorso la tartaruga ha cercato di rimuovere questo ammasso che ostruiva il ventre dell'animale, ma in vano. Solo con l'autopsia è stato possibile liberarla.

 

Quest'anno, il 50% delle tartarughe spiaggiate sulle coste della Thailandia è stato a causa dell'inquinamento della plastica, mentre gli anni precedenti era solo il 10%.

 

Ogni anno, milioni di tonnellate di plastica finiscono nell'oceano. La metà di questi rifiuti proviene da Cina, Indonesia, Filippine, Vietnam e Thailandia.

 

Fonte: Daily Mail

ADVERTISING

About the author

Andrea A.