In loro difesa News

Salva un gattino investito e lo trova con una ferita all’occhio sospetta. Ricercato il colpevole

ADVERTISING

È successo in provincia di Catania, quando un attivista locale, Giada D'Antoni, ha raccolto dalla strada un piccolo corpicino, ancora in vita, di un gatto che, come spesso accade, era stato investito da una macchina lungo la strada che da Santa Maria la Stella porta alla frazione di Lavinaio. Ma la donna ha fatto poi una terribile scoperta.

 

Il piccolo infatti, aveva una strana ferita all'occhio. Così Giada si è precipitata dal veterinario più vicino per tentare di salvarlo. Ha dichiarato a MerdioNews :

Faceva fatica ad alzarsi e a camminare, l’occhio era in condizioni impresentabili a causa di una vistosa infezione. Quasi esanime, non respirava bene.

 

Una volta dal veterinario, come Giada sospettava, è stata confermata l'ipotesi dell'impatto con una macchina. Giada afferma ancora:

Da un primo controllo si pensa che il gatto sia stato investito. Oltre a rischiare di perdere l’occhio a causa dell’impatto, l’animale ha riportato danni alla mandibola e al setto nasale

 

Grazie a una radiografia, il veterinario ha riscontrato un oggetto interno che assomiglia terribilmente a un proiettile:

Le ipotesi potrebbero essere diverse, di sicuro è stato investito. Non si esclude pure che prima di essere investito gli abbiano potuto sparare, ma al momento non abbiamo la certezza.

 

Accertamenti più approfonditi confermeranno o smentiranno questa ipotesi.

A causa di prassi prestabilite dalla legge, ogni volta che accade questo tipo di incidente dovrebbe essere l'Asp veterinaria ad occuparsi del salvataggio e di portare il ferito dal veterinario. E questo organismo, anche facendo tutto il possibile, spesso non riesce ad intervenire tempestivamente, e si rischia spesso di arrivare troppo tardi.

 

Si cerca ora il colpevole, che per questo ignobile atto, secondo l'articolo 727 del codice penale rischia fino a un anno e una multa dai 1000 ai 10 000 euro.

 

Fonte: MeridioNews 

 

ADVERTISING

About the author

Giulia Preci