Storie appassionanti

Rinoceronti salvati dai bracconieri grazie agli elicotteri

ADVERTISING

I rinoceronti sono vittime di un bracconaggio spietato, soprattutto in Sudafrica, dove gli attacchi sono ormai all'ordine del giorno. Per contrastare gli effetti devastanti del contrabbando e proteggere gli animali, una squadra di specialisti ha elaborato una tecnica per portare in salvo i rinoceronti e rimuovergli il tanto bramato corno: il trasporto in elicottero.

 

Fonte: CBS

 

Quest'operazione non è certo una passeggiata di salute e si svolge in una seria di procedure complesse che coinvolgono veterinari, diversi esperti nella cattura di animali selvatici e, ovviamente, un pilota agguerrito. Il trasporto in elicottero permette di raggiungere i rinocerenti nascosti in punti poco accessibili e di trasportarli in un posto sicuro per potersi occupare di loro.

 

Fonte: CBS

 

Il progetto, chiamato Black Rhino Range Expansion Project, è nato da un'idea di Jacques Flamand 15 anni fa, quando i rinoceronti erano una specie a rischio di estinzione. Per invertire la tendenza, questo veterinario ha deciso di spostare gli individui dei parchi nazionali verso terreni spesso privati, con lo scopo di proteggere i rinoceronti dai bracconieri. Sostenuto dalla World Wildlife Fund, il progetto di Jacques Flammand ha presto dato i suoi frutti. Dopo poco, però, i ricercatori hanno dovuto fare i conti con un problema di stazza: alcuni animali erano assolutamente fuori portata per essere trasportati. È stato a questo punto che è nata l'idea dell'elicottero.

 

Fonte: CBS

 

Al fine di poter essere trasportati in tutta sicurezza, i rinoceronti vengono addormentati, imbragati e finalmente trasportati in elicottero. Dave Cooper, veterinario al KwaZulu Natal Parks, spiega che l'animale passa meno di dieci minuti in aria, durante la quale viene comunque costantemente monitorato il suo stato. Tosh Ross, il pilota, ha il difficile compito di far atterrare i rinoceronti senza fargli del male. Solo a questo punto, l'animale viene "scornato" per evitare che venga braccato.

 

Fonte: CBS

 

Nonostante gli inesauribili sforzi di Jacques Flamand, il bracconaggio continua a colpire molti esemplari. La causa è la grande domanda di corna di rinoceronte, utilizzate dalla medicina tradizionale cinese. Nonostante non esista alcun fondamento scientifico a queste superstizioni, la popolazione cinese crede che le corna dei rinoceronti siano ricche di cheratina e per questo apportano benefici miracolosi a chi ne fa uso. Inoltre, al giorno d'oggi, un chilo di polvere di corno di rinoceronte vale più di un chilo d'oro o di cocaina. Ecco perché la consumazione di corni di rinoceronte è ancora molto diffusa, causando gravi danni alla popolazione di rinoceronti.

 

Nel 1800, circa 1 milione di rinoceronti viveva ancora in libertà. Nel 2016, il numero è sceso a 29 500 esemplari liberi.

 

Per guardare il video sul salvataggio dei rinoceronti, cliccate in basso:

 

Fonte: CBS

* * *

Noi di Holidog vogliamo migliorare la vita degli animali da compagnia: ti aiutiamo a trovare una famiglia che si prenda cura del tuo cucciolo quando sei in viaggio (prova il servizio di petsitting) e a renderlo felice con una scatola mensile piena di giochi e snack golosi (la adorerà). Grazie per la tua fiducia!

 

ADVERTISING

About the author

Elena Tinti