In loro difesa

Questo paradiso per Amici a quattro zampe si trasforma in un inferno. La macabra scoperta degli ispettori

ADVERTISING

Questa scuola in disuso è stata ristrutturata per diventare una pensione per cani, ma quello che doveva essere un paradiso, si è trasformato in un vero e proprio inferno. Zara Brown, direttrice dell'Ayrshire Ark, in Inghilterra, a soli 29 anni si ritrova in un'aula di tribunale per spiegare come abbia potuto lasciare morire 8 cani, trovati in terribili condizioni.

 

Fonte: Ayrshire Post

 

Inizialmente, la giovane donna aveva negato i fatti, ma in un secondo momento ha riconosciuto le accuse ammettendo di non aver dato da mangiare agli animali.

 

Fonte: The Scottish Sun

 

Zara Brown si era ripromessa di trovare una nuova casa ai cani che non ne avevano più una e di offrire servizi di pet-sitting per i padroni che non potevano occuparsi dei loro animali. Ma tutti i buoni propositi di Zara si sono infranti. Uno dei clienti del centro, spiega al sito di informazione inglese Daily Records:

 

Abbiamo lasciato lì il nostro cane, e lei è stata molto gentile assicurandoci che ci avrebbe tenuti costantemente aggiornati. Dopo agosto, però, non abbiamo più avuto sue notizie. 

 

Fonte: The Sun

 

Nonostante i diversi solleciti, Zara Brown si è rifiutata di incontrarli e ha poi tagliato tutti i ponti. Nel dicembre del 2016, il rifugio è stato perquisito dai membri della Società Scozzese per la Prevenzione della Crudeltà Contro gli Animali (SSPCA), a seguito di una segnalazione anonima.

 

Fonte: The Sun

 

Gli ispettori si sono ritrovati dentro ad una struttura lasciata in condizioni deplorevoli e hanno scoperto il cadavere di un cane deperito e molti altri animali in gravi condizioni. Gli animali sopravvissuti sono stati portati via dalla SSPCA. Altri, invece, mancano all'appello: sono scomparsi senza lasciare traccia.

 

Per la direttrice, arriva un nuovo capo di accusa per crudeltà contro gli animali.

 

Fonte: The Sun

 

In alcuni paesi europei è prevista una pena massima di 2 anni di prigione e una multa fino ai 30 000 euro per tortura di animali. Una punizione insufficiente, se si pensa alle sanzioni previste per altri delitti.

 

La fondazione francese 30 Millions d’Amis ha lanciato una petizione per chiedere che questa legge venga rivista e le sanzioni aggravate. Per firmarla, cliccate qui.

 

* * *

Noi di Holidog vogliamo migliorare la vita degli animali da compagnia: ti aiutiamo a trovare una famiglia che si prenda cura del tuo cucciolo quando sei in viaggio (prova il servizio di petsitting) e a renderlo felice con una scatola regalo mensile piena di giochi e snack golosi (ottieni una scatola gratis). Grazie per la tua fiducia!

ADVERTISING

About the author

Elena Tinti