In loro difesa News

Questo lago dove vivono i delfini rosa è classificato come zona protetta in Colombia

ADVERTISING

Il lago di Tarapoto, situato in Colombia, luogo sacro per le popolazioni indigene, e celebre per le sue colonie di delfini rosa, è stato aggiunto alla Convenzione relativa alle zone acquatiche d'importanza internazionale per gli habitat degli uccelli d'acqua, chiamata Convenzione di Ramsar. Adottato nel 1971, questo trattato mira a proteggere le zone acquatiche, per preservare la flora e la fauna ed evitare che si estinguano.

 

Fonte : YouTube

 

Il presidente colombiano, Juan Manuel Santos, ha accolto con gioia questo passo importante nella salvaguardia di questo sito eccezionale, dichiarando :

 

Il nostro obbiettivo è di iscrivere almeno 5 ecosistemi aggiuntivi come siti Ramsar e  dichiarare 30 milioni di ettari zone protette. 

 

Ha anche fatto sapere :

 

Questo riconoscimento promuove la cooperazione internazionale dei progetti per la conservazione della biodiversità e contribuisce a proteggere questo ecosistema specifico così come tutte le nostre risorse naturali. Le nostre zone acquatiche sono tra gli ambienti più produttivi al mondo.

 

Fonte : Shutterstock

 

Il delfino rosa, anche chiamato boto, è un delfino d'acqua dolce classificato dal 2008 come specie a rischio dall'Unione Internazione per la Salvaguardia della Natura, anche se le zone prese in esame mostravano la presenza di popolazioni abbondanti e prolifiche. Moltissime minacce pesano sui boto comunque.

 

Per prima cosa, le attività umane, soprattutto la pesca, esercitano una pressione sui pesci e sulla loro fonte di nutrimento. La deforestazione costituisce uno dei pericoli principali, riducendo l'habitat degli animali e modificandolo.

 

Classificando il lago di Tarapoto come zona protetta, la comunità internazionale intende prende delle misure concrete per tentare di mantere la biodiversità intatta. Questa classificazione porta benefici anche alle 22 popolazioni indigene che vivono in prossimità di questo lago, donando loro accesso a diversi mezzi per diversificare le loro attività economiche.

 

Fonte : Shutterstock

 

Questo permetterà di attirare anche gli aiuti delle ONG straniere, desiderose d'investire fondi per salvare il lago, come spiega Lilia Java, capo di una di queste tribù :

 

L'iscrizione del Lago Tarapoto nella lista Ramsar è un'opportunità per rinforzare, proteggere e conservare le nostre risorse naturali, culturali e sociali, sempre sperando che questi processi portino nuovi finanziamenti nei progetti futuri.

 

ADVERTISING

About the author

Giulia Preci