Storie appassionanti

Questo gatto “aggressivo” non lasciava avvicinare nessuno, poi i soccorsi scoprono il vero motivo

ADVERTISING

Coconut faceva parte della schiera di gatti randagi che popolano le strade di Boston, negli Stati Uniti.

 

Quello che sembrava un destino già scritto prende una piega inaspettata quando incontra Joni Nelson, responsabile dell'associazione Boston's Forgotten Felines, come riporta il sito The Dodo.

 

coconut-chat-errant-boston-1
Fonte: Boston's Forgotten Felines

 

Tra i felini del gruppo, le sue orecchie rovinate e gli occhi segnati emergono con maggior evidenza a causa del colore del manto, bianco nonostante la sporcizia della strada.

La vita da randagio gli ha insegnato a non fidarsi e il suo salvataggio risulta più lungo del previsto: Coconut tiene le distanze dai volontari, che ai suoi occhi rappresentano un potenziale pericolo.

 

coconut-chat-errant-boston-2
Fonte: Boston's Forgotten Felines

 

Dopo non pochi pazienti tentativi, l'esperienza di Joni le permette di avvicinarsi al felino la distanza sufficiente a catturarlo e trasportarlo alla clinica veterinaria. Purtroppo, le sue condizioni sono gravi: infezione agli occhi e alle vie urinarie, parassiti alle orecchie, zoppicamento e diarrea cronica.

Problematiche fisiche che Joni affronta con positività; a preoccuparlo maggiormente è il suo comportamento:

 

Era difficile dargli da mangiare… Non alzava mai il capo, e si nascondeva quando aprivo la gabbia.

 

coconut-chat-errant-boston-3
Fonte: Boston's Forgotten Felines

 

La volontaria intuisce il motivo di tanto timore: il felino era parzialmente cieco e sordo.

Ma più tempo Joni trascorreva in sua compagnia, più il gatto imparava a  conoscerla e a fidarsi di lei nonostante i suoi handicap.

 

Dopo un paio di morsi ho intuito che vedeva solo le ombre. Ecco perché era così aggressivo. Aveva paura, e nessuno sa quello che ha dovuto passare per sopravvivere per strada. In molti mi hanno consigliato di sopprimerlo perché nessuno l'avrebbe adottato. Non potevo permettere né che fosse soppresso né che vivesse in gabbia.

 

coconut-chat-errant-boston-4
Fonte: Danapel C. de Veer

 

I volontari raddoppiano i loro sforzi decisi ad offrire una chance a Coconut, che non li deluderà. Al contrario!

 

La sua trasformazione è tale che non solo il candido felino impara a fidarsi di loro, ma si abitua velocemente anche alla famiglia di prima accoglienza.

 

coconut-chat-errant-boston-5
Fonte: Ashley Ward

 

Ashley Ward, che ospita Coconut, racconta:

 

Coconut è adorabile. Quando entro nella stanza, mi zoppica incontro alla ricerca di carezze. E non appena inizio a coccolarlo, parte con le fusa… e non vorrebbe più smettere di farsi accarezzare.

 

coconut-chat-errant-boston-6
Fonte: Ashley Ward

 

Quel felino, isolato e con lo sguardo perso nel vuoto, abbandonato per le vie di Boston è ormai un lontano ricordo. Coconut non dovrà più soffrire la solitudine e la fame con la sua nuova famiglia.

 

coconut-chat-errant-boston-7
Fonte: Ashley Ward

 

Per aiutare l'associazione Boston's Forgotten Felines ad aiutare i gatti di strada, potete recarvi qui!

 

E ora non perdetevi il soffice Coconut in tutta la sua dolcezza:

 

Playing!Look at me! Playing with my foster family! <3

#rescuecat
#bffcatrescue
#fostercat
#adoptme

Publié par Coconut's Journey sur lundi 6 février 2017

 

Per tutti coloro che desiderano adottare un animale, ricordiamo che sono molti i quattro zampe in attesa di una seconda possibilità nei rifugi. Pertanto, vi invitiamo a preferire l'adozione all'acquisto di un animale da compagnia. Adottare significa salvare una vita.

 

Per conoscere il rifugio più vicino a voi, potete recarvi sul sito dell’ENPA, della Lega Nazionale per la Difesa del Cane o dell'OIPA.

 

* * *

 

Noi di Holidog vogliamo migliorare la vita degli animali da compagnia: ti aiutiamo a trovare una famiglia che si prenda cura del tuo cucciolo quando sei in viaggio (prova il servizio di petsitting) e a renderlo felice con una scatola regalo mensile piena di giochi e snack golosi (ottieni una scatola gratis). Grazie per la tua fiducia!

 

* * *

 

Sullo stesso argomento

 

5 pregiudizi sull'adozione nei rifugi da combattere

 

ADVERTISING

About the author

Andrea A.