Storie appassionanti

Questo cavallo “sapeva” che andava al macello. Decide di salvarsi da solo

ADVERTISING

Aveva capito che non aveva speranze. Questo anziano cavallo di proprietà di un macello texano sapeva che la sua ora sarebbe arrivata presto e doveva trovare aiuto.

 

bubbles-dog-escape-4Fonte: Becky's Hope Horse Rescue

 

Quando all'inizio di gennaio vede un gruppo di volontari recatisi alla fattoria per recuperare degli asini nani,  capisce che quella era la sua occasione e li segue. Nella pagina del proprio sito, il rifugio Becky's Hope Horse Rescue riporta:

 

Questo cavallo baio, molto magro, si è precipitato verso la nostra macchina, nonostante le grida degli operai. Aveva deciso di seguirci e che il box per gli asini era destinato a lui. 

 

bubbles-dog-escape-3Fonte: Becky's Hope Horse Rescue

 

Come spiega Sarah McGregor, portavoce dell'associazione Becky's Hope, la struttura texana dove si trovava Bubble offre un'ultima possibilità agli animali di essere soccorsi prima di essere inviati in Messico per essere macellati. Al sito TheDodo ha specificato:

 

Accade spesso di trovarvi quei cavalli o asini i cui proprietari hanno perso il loro terreno, o sono morti e nessuno ha i mezzi per mantenerli. Se non vengono ricomprati nell'immediato, li aspetta il macello.

 

bubbles-dog-escape-1Fonte: Becky's Hope Horse Rescue

 

Per i volontari è fuori questione negare al cavallo la possibilità di entrare nel box già riempito con 9 asini:

 

Eravamo a bocca aperta mentre osservavamo questo cavallo che attendeva pazientemente che gli asini si stringessero nel "box della libertà" per fargli posto. Era come se pensasse che non avremmo notato che era un cavallo! Ci ha stretto il cuore.

 

Bubbles è oggi sano e salvo presso il rifugio di Becky's Hope, dove schiere di ammiratori si recano a trovarlo per accarezzare il muso del famoso cavallo che "si è salvato da solo". Dopo essere sfuggito a morte certa, trascorre dei giorni sereni pieni di attenzioni.

 

bubbles-dog-escape-2Fonte: Becky's Hope Horse Rescue

 

Il lieto fine non deve farci dimenticare l'eccezionalità del caso di Bubbles. Sarah McGregor commenta con rimpianto: "Facciamo del nostro meglio per soccorrere il maggior numero possibile di loro con i mezzi a disposizione. Ma non possiamo a salvarli tutti." Per aiutare l'associazione nella sua missione e salvare davvero qualche vita in più, potete fare una donazione recandovi qui.

 

E ora incontrate nelle immagini qui sotto Bubbles, completamente trasformato:

 

 

Fonte: TheDodo 

ADVERTISING

About the author

Léa Marie