Storie appassionanti

Questa cagnolina scheletrica giunge al rifugio e sviene, esausta. Ma non era pronta ad arrendersi

ADVERTISING

Quando arriva presso il rifugio di Fulton County Animal Service di Atlanta, in Georgia (USA), Tee Tee, una Pitbull nera, pesava 15 kg appena. Un cane della stessa età dovrebbe pesare almeno 25 kg, come riporta il sito The Dodo.

 

Un mese dopo il suo arrivo, le sue condizioni rimaste immutate la portano al collasso.

 

tee-tee-chienne-pitbull-sauvetage-1Fonte: Friends to the Forlorn

 

In tale stato, le possibilità che lasciasse il rifugio erano minime. Fino a quando, Jaston Flatt, cofondatore dell'associazione Friends to the Forlorn, non viene a conoscenza della sua storia. Commosso, decide di agire. Come racconterà in un'intervista al sito The Dodo:

 

Non riusciva a stare in piedi. Non poteva camminare, e neppure alzare il capo.

 

tee-tee-chienne-pitbull-sauvetage-2Fonte: Friends to the Forlorn

 

Tee Tee viene sottoposta a un check up medico che rivela la causa del suo malessere: la quattro zampe era affetta da dirofilariosi, una malattia parassitaria che colpisce gli animali e causa danni al cuore se non trattata. Inizia per la cagnolina un ciclo di trasfusioni e antibiotici, nella speranza di rimettrala sulle zampe.

 

Poiché il rifugio non sarebbe stato l'ambiente adatto a favorire la convalescenza, viene affidata a una famiglia di prima accoglienza.

 

tee-tee-chienne-pitbull-sauvetage-5
Fonte: Friends to the Forlorn

 

E immersa nel calore di una casa, Tee Tee incomincia a rispondere alle terapie e riprende 18 kg nel corso dei mesi.

D'altronde, condividere una ciotola con degli amici di zampa è più piavevole!

 

tee-tee-chienne-pitbull-sauvetage-6
Fonte: Friends to the Forlorn

 

E presto, non appena i veterianri daranno la propria approvazione, partirà per iniziare una nuova vita con la famiglia che si è offerta di adottarla.

Per aiutarla a portare a termine il suo cammino di guarigione, potete recarvi qui.

 

Fonte: The Dodo

ADVERTISING

About the author

Andrea A.