In loro difesa

Orsi e volpi attaccati ripetutamente da cani da caccia in un “centro di addestramento” in Russia

ADVERTISING

In Russia e nel resto del mondo è esplosa un'ondata di indignazione a seguito della diffusione di immagini che mostrano orsi, volpi e altri animali selvatici legati e attaccati da cani da caccia. Le foto sono state pubblicate dopo che la corte russa ha rifiutato una proposta di abolizione del combattimento tra animali selvatici e cani.

 

Tra i video e le immagini pubblicate dal gruppo animalista Zoo Defense, si possono vedere alcuni cani mordere ed attaccare delle volpi con il muso chiuso da un nastro; orsi in catene e tassi utilizzati come esche per i combattimenti. In Russia, sono circa 200 i "ring" dove i cani da caccia vengono allenati a sbranare e uccidere gli animali selvatici.

 

bear baiting russiaFonte: The Siberian Times

 

Gli animali selvatici, usati come esche, sono difficilmente in grado di contrattaccare. Le persone favorevoli ai combattimenti, sostengono che gli animali non vengono uccisi e che, al contrario, vengono curati ogni volta che si feriscono. Fortunatamente però, la maggior parte del pubblico sostiene che questa pratica incentiva l'abuso sugli animali. Gli animali delle immagini sono visibilmente spaventati e sanguinanti.

 

Fonte: The Siberian Times

 

Il divieto dei combattimenti tra orsi era stato approvato lo scorso dicembre quasi all'unanimità dal parlamento russo, con solo 5 voti sfavorevoli o astensioni. Tuttavia, la decisione è stata sucessivamente ritirata dalla Corte Suprema russa, che ha subito la pressione delle lobby dei cacciatori, che sostengono che in queste aree di combattimento i cani vengono solamente allenati. Inoltre, i sostenitori di questa pratica ritengono che un cane non allenato a questo tipo di lotta non può che causare maggiore sofferenza alla sua vittima, a cui infliggerà una morte lenta e dolorosa.

 

Fonte: The Siberian Times

 

La popolazione sta aspettando che l'abolizione, che chiede che i cani vengano separati dagli orsi attraverso una rete, venga riconsiderata grazie all'appoggio del presidente russo Vladimir Putin. Il portavoce Vyacheslav Volodin dichiara: "questa situazione, che incoraggia la violenza e l'abuso sugli animali, è assolutamente inaccettabile per noi".

 

Anche se gli animali non vengono uccisi durante i combattimenti, questi luoghi sono chiaramente spaventosi e intimidatori per delle creature abituate alla vita in mezzo alla natura.

 

Per guardare il filmato di un combattimento, cliccate in basso: 

 

(ATTENZIONE. Le immagini che seguono potrebbero urtare la vostra sensibilità) 

 

 

Immagine di copertina: The Siberian Times

 

* * *

 

Noi di Holidog vogliamo migliorare la vita degli animali da compagnia: ti aiutiamo a trovare una famiglia che si prenda cura del tuo cucciolo quando sei in viaggio (prova il servizio di petsitting) e a renderlo felice con una scatola mensile piena di giochi e snack golosi (la adorerà). Grazie per la tua fiducia!

ADVERTISING

About the author

Elena Tinti