News

Numerosi vitelli maschi sono uccisi alla nascita dall’industria lattiero casearia

ADVERTISING

Nonostante tutti gli sforzi dell'industria lattiero casearia inglese per far terminare o almeno attenuare la pratica, i piccoli vitelli maschi continuano ad essere uccisi alla nascita, come riporta il The Guardian.

 

Effettivamente, è molto più economico per gli allevatori sbarazzarsi dell'animali nelle prime ore di vita che vendere la carne più tardi: 6 libbre (poco meno di 7 euro), contro le 30 libbre (34 euro). Le cifre recenti ci dicono che i vitelli abbattuti sono 95 000.

 

Fonte : Channel 4

 

Perché sbarazzarsi di un vitello maschio? Semplicemente perchè non produce latte, ed è quindi inutile agli allevatori. Esistono soluzioni diverse per permettergli di "liquidare" questa merce di troppo: possono scegliere di abbatterli con un colpo di pistola alla testa, per loro mano o per quella di uno specialista, allevarlo per la carne prima di abbatterlo, o cederlo a un'azienda di esportazione.

 

La prima soluzione resta la più gettonata, ma tuttavia, resta un segreto vergognoso in seno all'industria lattiero casearia. I vitelli abbattuti per arma da fuoco non possono essere destinati alla consumazione umana e spesso sono utilizzati nella fabbricazione di cibo per cani.

 

Nel 2013, solo il 13 % dei vitelli maschi sono stati uccisi alla nascita, ma queste cifre sono aumentate nel corso degli anni, per arrivare, secondo le stime più recenti, al 21 %.

 

Fonte : Farmers Weekly

 

Le proteste contro l'esportazioni degli animali sulle navi – e le terribili condizioni di vita che caratterizzano questi viaggi – hanno spinto gli allevatori a non tenere più in considerazione questa soluzione.

 

La maggior parte delle grandi catene di supermercati non vieta ai loro fornitori di abbattere i vitelli maschi, ma un passo in questa direzione potrebbe permettere di mettere fine a questa pratica. Sfortunatamente, non è illegale. Per questo, alcuni gruppi hanno deciso di agire, assicurandesi che i piccoli vitelli siano allevati in salute e non uccisi brutalmente appena nati.

 

Fonte : cifw.org.uk

 

Purtroppo, la Brexit potrebbe rendere le cose ancora più difficili per gli allevatori, che faticheranno a trovare un mercato di sbocco per smaltire gli animali. Siân Davies, consigliere per la branca lattearia del sindacato degli agricoltori inglesi (National Farmers’ Union) spiega :

 

Un accordo commerciale che da il libera via alla carne bovina a buon mercato proveniente da un paese in cui gli standard di produzione sono più bassi avrà delle ripercussioni negative su tutte le belle iniziative e realtà che si sono create in questi anni, per l'utilizzo delle vacche dell'industria lattearia nel mercato inglese.  

 

Alcuni allevatori tentano però di trovare una soluzione etica a questo problema. È il caso di David Finlay, che alleva i suoi vitelli, sia maschi che femmine, fino all'età di 5 mesi senza separarli dalla madre. I vitelli poi vengono venduti al macello all'età di 8 mesi.

 

Fonte : Murdo McLeod/The Guardian

 

Sfortunatamente, a causa dei tagli, moltissimi allevatori continuano a favorire l'abbattimento degli animali nelle prime ore di vita.

 

Fonte : The Guardian

ADVERTISING

About the author

Andrea A.