In loro difesa News

Le orche possono parlare come gli umani. Le associazioni chiedono la loro liberazione

ADVERTISING

I risultati di uno studio scientifico portato avanti dal parco Marineland ad Antibes rivela che le orche sono in grado di pronunciare delle parole come "hello" o "bye bye". Per le associazioni di difesa degli animali, questa scoperta costituisce una prova supplementare che i cetacei non devono vivere in cattività.

 

marinelandFonte : Kimmela Center for Animal Advocacy

 

Realizzato tra il 2014 e il 2015, con un'orca chiamata Wikie, questo studio aveva come obiettivo quello di verificare se i cetacei fossero in grado di riprodurre il linguaggio di una specie non marina. Questo ha permesso di confermare anche la loro capacità ad acquisire e potenzialmente trasmettere una forma di cultura all'interno della loro specie.

 

In effetti, studi precedenti dimostrano già che le orche sono hanno sviluppato delle "lingue" dentro ciascuno dei differenti branchi degli esemplari che sono stati salvati. Le orche sono capaci di comunicare con altre orche che non appartengono al loro stesso branco e anche con foche e delfini.

captivité orquesFonte : Milan Boers

 

La loro capacità a svillupare e trasmettere dei comportamenti nuovi riguarda anche il campo della caccia, visto che certi gruppi creano delle tecniche originali e solo loro che poi insegnano alle orche più giovani.

 

Grazie a questo nuovo studio, la capacità di apprendimento delle orche ora si estende anche fuori dal mare. Anche se i suoni non sono sempre chiari, Wikie si è dimostrata capace di ripetere delle espressioni brevi, a volte anche al primo tentativo.

 

Per questo, secondo Josep Call, professore specializzato di evuluzione culturale dello spirito dell'Università di San Andrews, in Scozia :

 

Non c'è nessuna prova che le orche comprendano il senso della parola "buon giorno". 

 

Per le associazioni, questa scoperta è prima di tutto una nuova prova della necessità di ridare la libertà ai cetacei tenuti in cattività nei parchi acquatici e negli acquari.

 

libération des orquesFonte : PETA France

 

In una dichiarazione sul loro sito, l'associazione PETA France, mette in luce la maniera in cui questo studio portato avanti su delle orche in cattività va totalmente contro il benessere animale :

Ironicamente, questa ricerca scientifica che dimostra ancora una volta l'intelligenza di questi esseri è stato portato avanti nelle vasche di cemento di un parco marino, dove gli animali sono imprigionati e privati di tutto ciò che è naturale e importante, solo per spillare soldi ai visitatori.

 

Ancora più ironico, questa scoperta avviene dopo l'annullamento della chiusura dell'anno scorso che vietava la riproduzione dei cetacei in cattività.

 

Quando sono da sempre denunciati gli orrori della cattività nei parchi acquatici e alcuni rinunciano anche a mantenere i delfini e le orche rinchiusi, questo studio dà ancora una volta ragione alle associazioni.

 

In Italia, da anni la LAV si mobilita attraverso campagne di sensibilizzazione in nome dei cetacei. Evitare i parchi acquatici è un primo gesto consapevole che potete fare in nome della lotta per loro libertà.

 

Per ascoltare Wikie "parlare", potete guardare questo video :

 

 

* * *

 

Noi di Holidog vogliamo migliorare la vita degli animali da compagnia: ti aiutiamo a trovare una famiglia che si prenda cura del tuo cucciolo quando sei in viaggio (prova il servizio di petsitting) e a renderlo felice con una scatola mensile piena di giochi e snack golosi (la adorerà). Grazie per la tua fiducia!

ADVERTISING

About the author

Giulia Preci