Attualità cane News

Joe, il piccolo Shitzu che si sacrifica per salvare la sua famiglia

Nessuno poteva sapere che dentro Joe, un piccolo Shitzu di soli tre anni e dalla stazza di un gatto, si nascondesse un vero eroe, pronto a sacrificare anche la sua vita per proteggere la sua amata famiglia in provincia di Lecco.

 

Il piccolo leone infatti, come suggerisce la traduzione del suo nome, non ha esitato un momento quando i cani del vicino, un Pitbull e un Boxer, sono sbucati nel suo giardino dove stava giocando con la sua mamma e suo fratello umani. Il piccolo, frapposto tra la sua famiglia e i cani, ha permesso loro di scappare in casa e mettersi in salvo.

 

Ma, nonostante il coraggio, non ha potuto fare niente contro i due giganti, che lo hanno sbranato sotto gli occhi terrorizzati della sua famiglia.

 

La famigliola, composta da Enrico N., moglie e due figli di 14 e 4 anni, vive in una villetta condominiale a Sirtori, in provincia di Lecco, e Joe, il cagnolino protagonista di questa triste storia, era come un terzo figlio per loro. Enrico racconta la vicenda al giornale Il Giorno:

 

Mia moglie e mio figlio più grande erano in giardino quando i due cani del vicino sono sbucati dal nulla, dopo aver scavato un buco sotto una triplice rete che separa il loro recinto dalla nostra proprietà. I due grossi cani si sono diretti subito contro mio figlio, il nostro Joe però si è messo in mezzo, permettendo prima a mio figlio di salvare la mamma e poi di correre insieme al riparo.

 

 

Mamma e figlio però non hanno potuto fare niente per aiutare Joe. E neppure i carabinieri, accorsi poco dopo grazie a una chiamata, sono stati capaci di calmare i due cani, che solo grazie all'intervento dell'ASL e dell'accalappiacani sono stati sedati e placati. Il Pitbull e il Boxer sono stati sequestrati e portati al canile, mentre per Joe non c'è stato niente da fare.

 

La famiglia è sotto shock:

 

È stata una scena straziante, lo hanno fatto a pezzi, non riusciamo a dormire la notte per il dolore, l’orrore e la paura che proviamo.

 

E un dettaglio ancora più straziante si aggiunge alla vicenda. Il proprietario dei due cani era già stato segnalato a causa dell'addestramento aggressivo e poco adatto, visto la razza, alla vita in un quartiere tranquillo e pieno di famiglie come quello. Se si fossero presi provvedimenti, probabilmente oggi non racconteremmo questa storia.

 

 

Il padre di famiglia si sfoga così:

 

Eppure in Italia deve sempre succedere qualcosa di brutto prima che qualcuno intervenga. Non oso neppure immaginare se fosse stato presente anche mio figlio più piccolo o se il nostro Joe non si fosse sacrificato. Mi auguro che almeno quello che è capitato a noi serva per risparmiare lo stesso ad altri.

 

Fonte: Il Giorno

ADVERTISING