In loro difesa Storie appassionanti

Incatenato per 4 anni a guardia di un cancello, aveva perso la criniera e la dignità

Per quattro interminabili anni, la sua esistenza si limita a una tettoia di legno e a una pesante catena che gli impedisce di circolare liberamente. Stretta in modo eccessivo, quest'ultima causa la perdita della criniera, facendo di Dolo un leone spogliato della sua dignità.

 

dolo-lion-1Fonte: Born Free Foundation

 

Catturato quando è solo un cucciolo, il felino trascorre gli anni della giovinezza in un'abitazione privata nel sud dell'Etiopia. Il proprietario lo esibiva all'ingresso della proprietà come simbolo di potere. Beth Brooks, la portavoce della ONG Born Free racconta al TheDodo:

 

In Etiopia, è illegale possedere un animale selvaggio. Quando l'ente locale per la salvaguardia degli animali, la Ethiopian Wildlife Conservation Authority (EWCA), è stata informata, ha sequestrato l'animale.

 

 

 

 

dolo-lion-3Fonte: Born Free Foundation

 

Ma gli abusi del passato hanno lasciato dei danni fisici irreversibili. Laura Gosset, direttrice del programma Born Free, spiega:

 

Dolo soffre di atrofia della retina, probabilmente causata da un periodo prolungato di malnutrizione. La sua vista è debole. Per questo motivo, ha bisogno di tempo per abituarsi al nuovo ambiente.

 

dolo-lion-4Fonte: Born Free Foundation

 

Ad aggravare i problemi fisici ereditati dalla brutale cattività, si aggiungono gli handicap comportamentali: Dolo non sa come agire in natura. Ecco che allora il suo trasferimento, nel marzo 2011, presso il rifugio Ensessakotteh della Born Free, a Addis Ababa, capitale etiope, diventa necessario.

 

dolo-lion-6Fonte: Born Free Foundation

 

Al suo arrivo, Dolo, intimidito dall'insolita vastità della zona destinata a diventare la sua casa, si rifiuta di uscire dal container. Laura Gosset ricorda quei momenti:

 

All'inizio, non era affatto contento. Non voleva lasciare il container e ha incominciato a ruggire nervosamente. Gli abbiamo lasciato tregua, e al secondo tentativo, è uscito e ha preso la sua strada.

 

dolo-lion-7Fonte: Born Free Foundation

 

Nonostante l'inizio titubante, oggi si sente a casa. Esplorare l'area e concedersi delle pigre dormite sugli alberi sono le sue attività preferite.

 

E per terminare la sua storia con una nota di romanticismo, Safia, una leonessa che condivide un passato altrettanto oscuro, è entrata nella sua vita. Gli sguardi diffidenti del primo incontro si sono presto trasformati in un forte sodalizio, sotto agli occhi soddisfatti dei volontari della riserva.

 

dolo-lion-8Fonte: Born Free Foundation

 

La trasformazione di Dolo, da animale sottomesso a fiero padrone del suo territorio, ci ricorda l'impatto che le scelte umane possono avere sull'esistenza della fauna circostante e la conseguente responsabilità nel preservarla che ne deriva.

 

 

 

ADVERTISING