In loro difesa News

In questo paese si massacrano migliaia di animali per un “festival”. E nessuno ne parla

ADVERTISING

(Attenzione: immagini forti)

 

Una tradizione tanto antica quanto crudele.

 

serpents-massacre-texas-1Source : Jo-Anne McArthur

 

È così che si potrebbero descrivere i festival che si tengono ogni anno in numerose città del Texas, Oklahoma ed altri Stati degli Stati Uniti. In queste occasioni, migliaia di crotali vengono massacrati davanti a centinaia di spettatori.

 

serpents-massacre-texas-2Fonte: Jo-Anne McArthur

 

Gli animali vengono ammassati in delle recinzioni dove, spaventati, producono il suono distintivo della loro specie, simile a quello dei sonagli. Contrariamente a quanto si creda, questo suon non è un segno di minaccia, ma di paura. La giornalista Jo-Anne McArthur spiega al sito The Dodo:

 

Non vuol dire "sto per attaccare", ma "ho paura, non avvicinatevi". Si tratta dinque di migliaia di serpenti che urlano di terrore.

 

serpents-massacre-texas-3Fonte: Jo-Anne McArthur

 

Questi festival, nati intorno al 1950, avevano come obiettivo di controllare la popolazione di serpenti a sonagli della regione e proteggere il bestiame d'allevamento. Melissa Amarello, fondatrice e direttrice dell'associazione per la salvaguardia dei serpenti Advocates for Snake Preservation (ASP), precisa:

 

Chi difende questo tipo di festival sostiene che ci sono troppi serpenti, che sono una minaccia per le aree abitate, e che bisogna fare qualcosa per ridurne il numero. Ma non è vero che sono in sovrannumero. Non c'è alcuna prova scientifica che ci sono troppi crotali nella zona, e che ci sia bisogno dei festival per controllarli.

 

serpents-massacre-texas-4Fonte: Jo-Anne McArthur

 

In realtà, tali manifestazioni sono in primo luogo un modo di realizzare guadagni importanti. Uno dei festival, quello di Sweetwater, attira circa 30.000 persone: una vera manna per gli organizzatori.

 

serpents-massacre-texas-5Fonte: Jo-Anne McArthur

 

Sono previsti dei premi per chi porta i serpenti più grossi. Gli animali vengono gettati in una recinzione. Qualcuno passa tra di loro, colpendoli perché si girino. I crotali iniziano allora ad agitare i loro "sonagli". Alcuni serpenti sono condotti in una zona "educativa". Melissa Amarello dichiara:

 

Molte di queste manifestazioni vogliono far credere che si tratti di educare il pubblico ai serpenti. Ma in realtà c'è poco di educativo, e molto di uno spettacolo. 

 

serpents-massacre-texas-6Fonte: Jo-Anne McArthur

Agli animali viene anche prelevato il veleno, raccolto e – secondo gli organizzatori – donato alla ricerca medica. Molte aziende tuttavia hanno dichiarato di non accettare i doni provenienti da queste manifestazioni.

 

L'ultima tappa del festival è il recinto dove i crotali vengono decapitati. Melissa Amarello ricorda però che questo metodo non offre una morte immediata agli animali:

 

A causa del loro metabolismo lento, restano in vita e provano sensazioni per qualche minuto o qualche ora dopo la decapitazione. Se vi capita di osservarli, è evidente: aprono ancora la bocca per respirare, e il corpo continua a muoversi.

 

serpents-massacre-texas-7Fonte: Jo-Anne McArthur

 

Dopo la decapitazione, i serpenti vengono spellati, ed il pubblico è invitato a partecipare. I bambini, dopo aver strappato la pelle dell'animale, possono persino lasciare l'impronta della mano sporca di sangue su un muro bianco. La pelle è successivamente usata per confezionare oggetti come borse e portafogli, mentre la carne è cucinata e mangiata al festival.

 

Melissa Amarello ricorda che i serpenti sono malgrado tutto esseri viventi complessi che non meritano un tale trattamento:

 

È incredibile quanto ci assomigliano. I crotali partoriscono cuccioli già vivi, e si prendono cura di loro per le prime settimane della loro vita, tenendo lontani i predatori. In alcune specie di crotalo le femmine si riuniscono durante la gestazione, partoriscono nello stesso luogo e si aiutano reciprocamente nella cura dei piccoli. 

 

serpents-massacre-texas-8Fonte: Jo-Anne McArthur

 

Per dire stop a questa crudeltà gratuita, potete firmare una petizione qui.

 

* * *

 

Noi di Holidog vogliamo migliorare la vita degli animali da compagnia: ti aiutiamo a trovare una famiglia che si prenda cura del tuo cucciolo quando sei in viaggio (prova il servizio di petsitting) e a renderlo felice con una scatola regalo mensile piena di giochi e snack golosi (ottieni una scatola gratis). Grazie per la tua fiducia!

ADVERTISING

About the author

Andrea A.