In loro difesa News

Il video degli elefanti torturati per recitare in questa famosa serie tv americana

ADVERTISING

L'industria dello spettacolo sa essere crudele verso gli animali, e nonostante le avanguardie tecnologiche e gli effetti speciali straordinari che il mondo del cinema e della televisione ha a disposizione, sono ancora molti i registi che scelgono di utilizzare animali vivi nelle loro produzioni.

 

Questa volta nel mirino delle critiche degli animalisti e dei difensori degli animali è finito il colosso americano HBO e la sua seguitissima serie Westworld. In un episodio di questa serie tv infatti, i personaggi Grace e Nicolas utilizzano degli elefanti per spostarsi sul territorio per cacciare una tigre del Bengala. E nonostante l'etichetta del "Benessere Animale: Nessun animale è stato maltrattato in questo film", la realtà è molto diversa.

 

 

Questi due elefanti infatti sono di proprietà dell'azienda californiana Have Trunk Will Travel (HTWT), un'azienda che addestra animali esotici da impiegare nel cinema e per altri spettacoli. Un'azienda rinomata a Hollywood, che può vantare la partecipazione dei propri animali nei film "Il Signore dello Zoo", "Come l'Acqua per gli Elefanti", nel video musicale della canzone "Circus" di Britney Spears, e in pubblicità per dei grandi marchi come Cadillac o Visa.

 

I sospetti degli animalisti riguardo alle condizioni di vita e addestramento degli elefanti si fondano su una video-inchiesta del 2005 pubblicata dall'associazione Animal Defender International (ADI) che rivela le torture brutali che subiscono gli elefanti a HTWT. Pensano infatti, che le tecniche non siano cambiate nel corso degli anni e che gli elefanti soffrano ancora.

 

 

Nelle immagini del video, gli addestratori torturano e punzecchiano continuamente gli animali, mentre gli insegnano coreografie e pose da assumere durante gli spettacoli. Gli animali, storditi e spaventati, sono impotenti di fronte a pungoli e catene, utilizzati selvaggiamente per prepararli alle loro scene nei film e serie tv.

 

Continuando nella visione del difficile video pubblicato più di 10 anni fa, si vede chiaramente un addestratore che prende con forza un piccolo elefante, che spaventato si dimena, mentre "l'uomo" lo incatena e lo punzecchia su una parte sensibile come la proboscide, fino a farlo piangere. Il suo grido di disperazione spezza il cuore, e anche gli altri elefanti che assistono alla scena incominciano a piangere disperati.

 

 

Nel video, la voce narrante racconta che se non impegnati nell'addestramento, gli elefanti rimangon incatenati fino a 12 ore, senza la possibilità di muovere neanche un passo o rilassarsi.

 

Uno degli elefanti del video è Tai, un'elefantessa che oggi appare proprio nell'episodio di Westworld che ha riportato alla luce questa terribile realtà. Questo significa che molto probabilmente, Tai non ha mai smesso di essere torturata per il mero profitto.

 

Toni Frohoff, un biologo esperto di elefanti che lavora con l'associazione In Defense of Animals (IDA) ha dichiarato al sito americano The Dodo:

 

Have Trunk Will Travel da anni tortura gli elefanti con le tecniche più sadiche e violente, non risparmiando nemmeno i cuccioli, che io abbia mai visto in più di 30 anni di lavoro come biologo comportamentalista della fauna selvatica. Non possiamo accettare nessuna giustificazione per un trattamento del genere per gli animali, soprattutto di fronte alle immagini del cucciolo indifeso.

 

 

La risposta di HBO non si è fatta attendere troppo, e il colosso americano ha ribadito che in nessun modo le immagini erano legate all'azienda e che non riflettevano la cura e l'amore che l'azienda da sempre proclama per gli animali. L'azienda poi ha presentato anche i certificati di "Nessun animale è stato maltrattato nelle riprese" attribuitegli dall'azienda American Humane.

 

Un'azienda che già in passato, per errore o per convenienza, aveva dato questo certificato a produzioni che non se lo meritavano.

 

 

Il presidente della ADI Jan Cramere dichiara in un commento alla vicenda:

 

Senza la certezza di poter garantire il benessere animale fuori e sulle scene, chiediamo con urgenza a HBO e alle altre case di produzione di non utilizzare più animali vivi nei loro film. Non ci sono più scuse per utilizzare animali veri quando la tecnologia può fornire un'alternativa ultra-realistica, senza che nessuno soffra.

 

Per non supportare le industrie delle spettacolo che sfruttano animali per il profitto, potete boicottare quelle case di produzione e i circhi che ancora oggi torturano e rilegano a una vita di sofferenze gli animali selvatici e non.

 

La video-inchiesta del 2005 sui maltrattamenti di Have Trunk Will Travel. Attenzione, immagini forti. 

 

 

Fonte: The Dodo

ADVERTISING

About the author

Giulia Preci