In loro difesa

Il Governo giapponese: la caccia alla balena continuerà

ADVERTISING

Mercoledì 24 gennaio, il Primo Ministro giapponese Shinzo Abe ha annunciato che la caccia "scientifica" alla balena continuerà nei mari dell'Antartide, per prepare un poco alla volta il ritorno della caccia commerciale.

 

Fonte : AFP Photo – YOSHIKAZU TSUNO

 

La caccia alla balena è vietatala dal 1986, ma il Giappone gioca su una falla nella decisione della Corte Internazionale per continuare a praticare questo tipo di pesca. Effettivamente, se la moratoria vieta la caccia alla balena in una prospettiva commerciale, autorizza quella a fini scientifici. Il paese quindi si aggrappa a questa sfumatura per continuare questa attività.

 

Già nel 2014 la Corte internazionale aveva chiesto al Giappone di mettervi fine visto che aveva stimato che la caccia alla balena praticata in Giappone non avesse alcun fine scientifico. Il primo ministro del paese, a cui erano state recapitate le proposte, ha annunciato al giornale  20 Minutes,  che aveva scelto di agire diversamente :

 

Coglieremo ogni possibilità che potrebbe portare alla riapertura della caccia alla balena commerciale, comprese quelle che potranno presentarsi dopo la riunione della Commissione Internazionale dei Balenieri in settembre.

 

In contemporanea, l'Agenzia della pesca giapponese ha espresso il desiderio di modernizzare la sua nave baleniera principale. Ha chiesto lo stanziamento di 100 milioni di yen (740 000 euro) con lo scopo di realizzare uno studio sul futuro della pesca commerciale. Questo permetterà al Giappone di determinare la necessità o meno di restaurare la sua flotta baleniera.

 

Fonte : Adam Lau – Sea Shepherd – Reuters

 

L'agenzia prevede anche di fare riparare la sua nave ammiraglia, chiamata Nisshin Maru :

 

Questo studio comprenderà anche una discussione sul destino di Nisshin Maru, se la sua vita sarà prolungata grazie a delle riparazioni o se sarà rimpiazzata da un'altra nave già in uso o una nuova, tra le altre proposte.

 

In Giappone, il consumo di balena è una pratica vecchia di secoli. Ma se dopo la Seconda Guerra mondiale era vista come necessaria per dare agli abitanti le proteine animali necessarie, la carne di balena oggi è sempre meno consumata nel paese. Secondo l'ONG Sea Shepherd, il numero di balene uccise ogni anno è passato da 1000 a stagione a poco più di 300 per anno.

 

Da parecchi anni, l'ONG, che lotta per la protezione della fauna marina, porta avanti una guerra senza tregue contro le flotte baleniere giapponesi, che definisce dei "macelli galleggianti". Grazie a lei, 6500 balene sono state salvate in dodici anni di lotte contro i balenieri.

 

Purtroppo, in mancanza di fondi per rinforzare le misure anti-terrorismo giapponese, ha rinunciato a rinnovare il programma dal 2017.

 

* * *

Noi di Holidog vogliamo migliorare la vita degli animali da compagnia: ti aiutiamo a trovare una famiglia che si prenda cura del tuo cucciolo quando sei in viaggio (prova il servizio di petsitting) e a renderlo felice con una scatola mensile piena di giochi e snack golosi (la adorerà). Grazie per la tua fiducia!

ADVERTISING

About the author

Giulia Preci