Storie appassionanti

I gatti che comandano Roma

ADVERTISING

Amate i gatti? Amate la storia? E scommetto che amate anche Roma…

 

Mentre il mondo associa Roma con i suoi monumenti più famosi come il Colosseo e la Fontana di Trevi, c'è tutta una parte della città sconosciuta alla massa che non può sfuggire agli amanti dei gatti. Infatti, tra le antiche rovine del Largo di Torre Argentina e la Piramide Cestia ci sono moltissimi rifugi per gatti.

 

Fonte: Favrify

 

Questi gatti vivono tra le rovine romane da secoli, e si stima che ci siano circa 400 colonie feline tra i siti storici che pullulano nella città eterna. Queste colonie, non necessariamente giganti, a volte contano anche solo due gatti, ma è abbastanza per formare una famiglia. In un video della BBC, possiamo seguire i volontari che danno da mangiare a questi gatti padroni della storia.

 

I gatti fanno parte di Roma sin dai tempi antichi, da sempre ben accolti come cacciatori di animali infestanti. Roma e i suoi abitanti amano talmente tanto questi gatti che li hanno nominati patrimonio bio-culturale della città. Hanno anche lo status di cittadini romani e l'onorevole Monica Cirinnà dichiara nel video:

 

Insieme ai grandi luoghi della cultura e dell'arte, noi abbiamo messo anche i gatti. 

 

Tra le gattare, volontarie che ogni giorno gli portano da mangiare e li accudiscono, la più famosa è sicuramente l'attrice Anna Magnani, che quando viveva nel Ghetto Romano, usciva ogni sera con il tipico abbigliamento da gattara, fazzoletto in testa e buste piene di cibo per gatti, per nutrire i felini del suo quartiere. 

 

Fonte: Favrify

 

Nel 2005, le legge municipale sugli animali è stata aggiornata, condannando ancora di più i maltrattamenti, e promuovendo la sterilizzazione dei gatti delle colonie. Questo ha causato un abbassamento dei cittadini felini della città. Ma grazie al controllo delle nascite e alla trasmissione delle malattie virali con la lotta o l'accoppiamento, i gatti romani sono più longevi.

 

Nel video, una volontaria racconta:

 

Il gatto è normalmente considerato genio e sregolatezza – artigli e fusa – quindi aggressività ma anche tenerezza. In fondo come questa città che ha dimostrato la sua tenerezza ma anche la sua capacità di essere al centro del mondo e al centro della storia. 

 

Fonte: BBC

 

Fonte: BBC

ADVERTISING

About the author

Giulia Preci