Storie appassionanti

Grivita, la cagnolina mutilata che viveva per strada si lascia l’inferno alle spalle

Grivita è una sopravvissuta. Nell'ottobre 2013, la sede dislocata in Romania dell'associazione internazionale Four Paws riceve una richiesta d'aiuto da parte di una donna nota per aiutare i cani randagi di Bucarest. Nel corso della chiamata, afferma che una delle sue protette, Grivita, è stata vittima di un gesto di crudeltà di inaudita ferocia.

 

(Attenzione, immagini forti.)

 

Nessuno conosce le dinamiche dei fatti, ma qualcuno ha brutalizzato il suo volto tranciando la parte superiore del muso con un oggetto pesante. Sopravvissuta al colpo, Grivita resta tuttavia agonizzante sul marciapiede, destinata a soccombere a una lenta agonia se non fosse stata ritrovata.

 

grivita-four-paws-mutilation-chien-10

 

Trasportata presso la clinica di Four Paws, i veterinari le offrono le prime cure dopo averle eseguito delle radiografie per valutare la gravità del danno.

 

grivita-four-paws-mutilation-chien-1Fonte: Four Paws

 

caine-mutilat-operatie-2Fonte: Four Paws

 

L'indomani del suo arrivo, Grivita subisce un primo intervento chirurgico da parte di un team di veterinari riunitosi per l'occasione considerata l'eccezionalità del caso. Durante l'operazione durata diverse ore, i medici hanno ripulito la ferita e riassestato la mascella fratturata. Sarà il primo di una lunga serie di interventi per permettere alla cagnolina di tornare a condurre una vita più normale possibile, e ridurre i rischi di infezione.

 

grivita-four-paws-mutilation-chien-11Fonte: Four Paws

 

A colpire i veterinari, è soprattutto la dolcezza della quattro zampe. "Nonostante la violenza di cui è stata vittima, è rimasta dolce e affettuosa", racconta uno dei veterinari.

 

Dopo alcuni giorni di convalescenza, la cagnolina ha raggiunto il rifugio di Speranta, il 10 ottobre 2013. La parte più difficile per la paziente sarebbe stato ricominciare a mangiare e respirare allo stesso tempo. Il team Four Paws ricorda:

 

All'inizio, faceva fatica a coordinare le due cose. Ma oggi, mangia come qualunque altro cane ed è tornata ad amare la vita.

 

grivita-four-paws-mutilation-chien-12Fonte: Four Paws

 

Alcuni mesi dopo il suo arrivo al rifugio, uno degli impiegati si è offerto di adottarla. Stando a quanto pubblicato nel gennaio dell'anno scorso dalla Four Paws, la coppia sembra intendersi perfettamente e trascorrere giorni sereni.

 

grivita-four-paws-mutilation-chien-9Fonte: Four Paws

 

grivita-four-paws-mutilation-chien-13Fonte: Four Paws

 

Un passato doloroso, dal quale Grivita non si è lasciata influenzare, rimanendo socievole con gli altri cani e regalando uno scodinzolio felice a chiunque incontri. "La sua storia è la testimonianza di quale resistenza siano capaci i cani di fronte alle avversità", conclude l'associazione.

 

Per sostenere la Four Paws, cliccate qui.

ADVERTISING