gatto burmese

Burmese

Il gatto Burmese è originario del Sud-Est Asiatico. È caratterizzato dal pelo corto, di colore seppia e liscio come la seta.

 

Molto dipendente dai suoi proprietari, ama essere al centro dell'attenzione e sarà un compagno ideale per quelli che sapranno dargli la tenerezza che chiede.

 

Origini del gatto Burmese o "gatto Zibellino"

 

Il gatto Burmese è originario della Thailandia, nel sud-est asiatico. Nel 1930, il Dr Joseph C. Thomson, un americano, decise di incrociare una gatta Siamese un pochino scura, Wong Mau, che aveva preso a Rangoon, in Birmania con un Siamese seal point (con le estremità molto scure) e ottenne una cucciolata di gatti scuri e siamesi.

 

Per far sopravvivere una potenziale mutazione, ha deciso di far accoppiare Wong Mau con uno dei suoi figli scuri. Ha così ottenuto una cucciolata di gattini bruni scuri.

 

In seguito, gli allevatori decisero di creare un allevamento per far prosperare la variante di  Wong Mau, la gatta all'origine di questa razza. Nel corso del tempo, con lo scopo di evitare dei problemi di consanguineità, gli allevatori operarono degli incroci con dei Siamesi.

 

I diversi incroci effettuati a partire dagli anni 30 hanno portato la razza Burmese a dividersi in due "sotto-razze" : il modello inglese e il modello americano.

 

Per il modello inglese, gli allevatori britannici sono concentrati di più sui colori del Burmese e crearono dei nuovi manti: il rosso, il cioccolato, il lilla, ecc.

 

Per quello americano invece, gli allevatori si sono più focalizzati nel modificare la morfologia del Burmese per cercare di differenziarla dal Siamese e dal Tonchinese.

 

Aspetto

 

Il gatto Burmese ha un corpo agile, ma una muscolatura solida. È anche dotato di una forza sorprendentemente sviluppata, che si scontra con la sua silhouette slanciata. Il collo, così come le zampe, sono fini e lunghe.

 

Possiamo notare che le zampe posteriori sono leggermente più lunghe rispetto a quelle anteriori, e questo gli conferisce una marcia particolare. Quanto alle sue zampe, sono piccole e ovali.

 

Una delle caratteristiche fisiche del gatto Burmese è senza dubbio il petto tondeggiante e importante.

 

Per quanto riguarda la sua coda, è mediamente folta alla base e si arrotonda alla fine.

 

La testa è di taglia media, di forma triangolare e la fronte è bombata. Le orecchie sono di taglia media, larghe alla base e distanziate sul cranio. Si distinguono facilmente i maschi di Burmese, poiché le loro guance sono più piene rispetto a quelle delle femmine. Il naso segna come uno stop e il suo mento è saldo.

 

Gli occhi del gatto Burmese sono grandi, rotondi e molto brillanti. Gli standard della razza accettano tute le sfumature del giallo, il giallo dorato è il colore più apprezzato.

 

Il Burmese ha il pelo piuttosto corto, ma la pelliccia è densa. È famosa per essere setosa e per la sua brillantezza.

 

Molto robusti, i gatti Burmese possono vivere fino a vent'anni. In età adulta, misurano dai 30 ai 35 cm e possono pesare dai 3 ai 5 kg.

 

gatto burmese carattereFonte : Matoucity

 

Manto

 

Un gran numero di sfumature del seppia sono autorizzate per il Burmese. Spesso è necessario che il manto sia uniforme. Nei gattini, si possono notare a volte delle righe leggere che spariscono con la crescita dell'animale.

 

Tra i numerosi colori del Burmese, ci sono il bruno, il cioccolato (o champagne), il rosso, il crema e tanti altri ancora.

 

Carattere

 

Il Burmese è un animale molto attivo, abile e curioso. Si dice sia particolarmente estroverso e con una forte personalità, quasi esuberante.

 

È dotato di una grande capacità d'adattamento, e questo lo rende un compagno adeguato poichè sapra vivere in armonia con gli esseri umani, ma anche con gli altri animali. È  il gatto/cane per eccellenza.

 

È un animale estremamente devoto al suo proprietario che richiede però tanta attenzione. Effettivamente, anche se non è un gran avventuriero, il Burmese ama essere al centro dell'attenzione e non ama la solitudine.

 

È abbastanza chiaccherone, ma la sua voce è più dolce di quella di un Siamese.

 

Il gattino Burmese è conosciuto per essere molto vivace e giocherellone. È importante quindi sorvegliarlo e di rimproverarlo se fa i capricci, in modo che impari ad ascoltare il suo proprietario.

 

Salute e cure

 

Il gatto Burmese non è predisposto a delle patologie in particolare poiché robusto. Però è importante proporgli un'alimentazione equilibrata. Alcuni di loro sono golosi di pesce, anche se altri preferiscono la carne o i fagioli. Non è un gran amante del latte.

 

Il Burmese teme le correnti d'aria perché non ha il sotto-pelo. Fate attenzione quindi che non prenda troppo freddo.

 

Attenzioni

 

Il pelo del Burmese non ha bisogno di attenzioni particolari. Una spazzolata settimanale nel periodo di muta è sufficiente. Tuttavia se volete preservare la morbidezza della sua pelliccia setosa, non esitate a passare dolcemente un panno sul pelo dopo averlo spazzolato.