Vivere con loro

Gattini abbandonati: soccorso e consigli

Ogni anno, migliaia di giovani gatti vengono trovati abbandonati lungo la strada o in mezzo alla natura, e a volte è difficile capire esattamente come comportarsi in queste situazioni. Anche se il gatto è stato abbandonato o si è perso, è sempre possibile che la madre si trovi ancora nei paraggi, intenta a sorvegliare il piccolo.

 

Per questo motivo, è necessario non precipitarsi o agire frettolosamente, perché si rischia di allontanare per sempre il piccolo dalla propria madre, che magari non aveva ancora finito di svezzarlo. Ecco qualche consiglio da tenere a mente nel caso vi troviate in questo tipo di situazione.

 

1. Analizzate la zona attorno al luogo del ritrovamento

Fonte: Mayor's Alliance for NYC's Animals

 

Se il piccolo proviene dalla cucciolata di una madre vagabonda, non è strano che sia stato lasciato da solo per qualche ora, mentre la madra è in caccia di cibo. In questo caso, i gatti vengono solitamente lasciati in luoghi isolati e lontani da sguardi indiscreti, come per esempio in un cespuglio, un garage o un territorio vasto.

 

Al contrario, se i gatti sembrano sporchi, affamati e disorientati, è importante agire in fretta: ne va della loro vita.

 

2. Portare il gatto dal veterinatio

Fonte: St. Charles Herald Guide

 

Se l'animale è solo e in pericolo, bisogna portarlo d'urgenza dal veterinario. Anche se sembra in buona salute, vi aiuterà a saperne di più sul suo conto: età, sesso e esigenze particolari. Una volta fatto, non sentitevi obbligati a portarlo a casa con voi, anche se è altamente consigliato affinché riesca a sopravvivere. Il tempo di trovargli un rifugio, potrebbe essere già troppo tardi.

 

3. Trovate un tetto per il gatto

 

3a. Se non potete accoglierli in casa vostra

Fonte: Catster

Se per qualunque motivo (allergie, spazio, neonati…) non potete accogliere il cucciolo in casa vostra, la prima cosa da fare è contattare un rifugio o un'associazione locale. A volte, il veterinario ha tutto quel che serve per curarlo, ma non ha un posto per accoglierlo; mentre i rifugi spesso hanno posto, ma non hanno i mezzi per curarlo. Le associazioni e i rifugi, in realtà, dispongono generalmente di posti liberi e sono abilitati alla cura del gattino affinché riesca almeno a sopravvivere.

 

Per conoscere il rifugio più vicino a voi, potete recarvi sul sito dell’ENPA, della Lega Nazionale per la Difesa del Cane o dell'OIPA.

 

3b. Se potete accoglierlo in casa vostra

Fonte: Kittentoob

Se, per caso, siete disposti ad ospitarlo sotto al vostro tetto, le cure di cui ha bisogno dipenderanno unicamente dall'età del cucciolo:

 

  • Se non è ancora svezzato (meno di 8 settimane): senza la sua mamma, il gatto ha bisogno di una dieta molto specifica per il suo sviluppo. Fino alle 5 settimane di vita, si nutre esclusivamente del latte materno. Se la madre non è con lui, bisogna trovare un'alternativa. In questo caso, è importante evitare il latte di capra o di mucca, e bisogna trovare un latte adatto ai suoi bisogni. Il vostro veterinario saprà consigliarvi. Dalle 5 settimane di vita in avanti, la sua alimentazione è più varia e può cominciare a mangiare alimenti solidi in piccole quantità, per una media di circa 8 pasti al giorno (molto più di quello che serve a un gatto adulto, che si nutre 2 volte al giorno).

 

  • Se invece è svezzato (a partire dalle 8 settimane): Il gatto continuerà ad avere bisogno di nutrirsi spesso, in piccole quantità (il suo stomaco è più o meno grande come una noce). Tuttavia, la sua alimentazione diventa più variata e meno vincolante. Passate le 8 settimane, può mangiare crocchette, pâté o altri cibi per gatti un pò più elaborati, per una media di circa 4 pasti per giorno.

4. Dedicargli molto tempo

Fonte: Cat Adoption Guide

 

Svezzato o no, i cuccioli hanno bisogno di molte attenzioni e affetto per diventare adulti sani e contenti. La sua salute può essere fragile, e la loro educazione è primordiale. È quindi importante  che vi sostutiate alla madre e lo educhiate fin da piccolo, insegnandoli ad esempio come pulirsi o dove fare i suoi bisognini.

 

Inoltre, il gattino ha bisogno di calore per mantenere costante la sua temperatura corporea. Non esitate a lasciarlo vicino a fonti di calore come il termosifone o il camnino (tenendolo sempre sott'occhio) o ad avvolgerlo dentro a coperte calde e morbide.

 

Dopo qualche settimana, sarà diventato indipendente e in grado di cavarsela da solo, e potrete finalmente recuperare il sonno perduto.

 


 

Con pochi semplici gesti, potete aumentare al massimo le sua possibilità di diventare un gatto adulto, sano e indipendente. A quel punto, potrete decidere se farlo diventare il vostro animale da compagnia o se trovargli una famiglia amorevole che lo accolga in casa sua. Ma quasi sicuramente, dopo qualche settimana insieme a lui, vi sarete già affezionati all'adorabile pallina di pelo!

 

Per saperne di più su cosa fare in caso troviate un altro animale perso o abbandonato o se il vostro animale da campagnia scompare, leggete i nostri articoli a proposito di questi argomenti.

* * *

Noi di Holidog vogliamo migliorare la vita degli animali da compagnia: ti aiutiamo a trovare una famiglia che si prenda cura del tuo cucciolo quando sei in viaggio (prova il servizio di petsitting) e a renderlo felice con una scatola regalo mensile piena di giochi e snack golosi (ottieni una scatola gratis). Grazie per la tua fiducia!

 

ADVERTISING