Storie appassionanti

Costretta a soffrire in silenzio e a posare per i turisti, quest’orsa è ora libera dalle catene

Posare per delle foto…

A questo si riduceva la vita di Jeta fino al mese scorso.

L'orsa era costretta a percorrere per chilometri le spiagge dell'Albania, allo scopo di trovare dei turisti disposti a scattarsi una foto ricordo al suo fianco.

 

jeta-selfiebear-2Fonte: Four Paws International 

 

Per costringerla a seguirlo, il proprietario la tirava con una catena agganciata ad un anello che le perforava il naso. La portavoce dell'associazione Four Paws International, che si batte in nome degli animali, ha raccontato i dettagli di questa pratica, purtroppo, ancora diffusa:

 

I cosiddetti "orsi da selfie" vengono incatenati ed esibiti per il mero profitto. Molti turisti amano fermarsi per farsi una foto, e sono disposti a sborsare denaro.

 

jeta-selfiebear-3Fonte: Four Paws International 

 

Anche prima di essere ridotta in un oggetto da ammirare, Jeta viveva in condizioni indescrivibili, rinchiusa in una gabbia nel cortile di una proprietà privata.

 

In Albania, si stima che siano ancora una cinquantina gli orsi ridotti in schiavitù, sfruttati per attirare i turisti.

 

Realtà che l'orsa si è lasciata alle spalle da qualche giorno grazie all'intervento di Four Paws.

 

jeta-selfiebear-1Fonte: Four Paws International 

 

Dopo aver sedato l'animale, la squadra ha tagliato la catena con l'aiuto delle tenaglie.

 

Il team l'ha liberata da un vero calvario. Quando si risveglierà dall'anestesia potrà essere libera di muoversi.

 

jeta-selfiebear-6Fonte: Four Paws International 

 

Purtroppo, tanti anni di brutale cattività non svaniscono senza lasciare il segno: la sua dentatura è danneggiata e la vista molto debole.

 

Ma non per questo il suo futuro sarà meno radioso. Una volta terminata la convalescenza in Albania, verrà trasferita in un immenso santuario in Kosovo, dove potrà disporre di 16 ettari di libertà.

 

jeta-selfiebear-9Fonte: Four Paws International 

 

Affinché non esistano più orsi in catene in Albania, anche voi potete dare il vostro contributo firmando la petizione lanciata dalla Four Paws International.

 

Fonte TheDodo

ADVERTISING