In loro difesa

Bob, il piccolo Yorkshire che dopo aver passato 5 anni rinchiuso in uno scantinato non sembrava nemmeno più un cane

ADVERTISING

Martedì 22 novembre, i volontari dell'associazione Lisa hanno messo fine al calvario di Bob, un cane incrociato con uno Yorkshire che era rimasto chiuso in uno scantinato per più di 5 anni.

 

Fonte: Association Lisa

 

L'animale era stato segregato in cantina dalla sua proprietaria perché faceva "troppi disastri". Per cinque anni, ha vissuto senza luce, in una stanza umida e sporca. I volontari sono riusciti a salvarlo grazie alla segnalazione di una giovane donna, scioccata nello scoprire le condizioni di vita di Bob.

 

Un cane considerato "come un oggetto"

 

I suoi padroni lo hanno confinato in cantina quando aveva solo un anno. Da quel giorno, non è più uscito da quella stanza senza finestre né riscaldamento, piccola, umida, fredda e scura.

 

Il cane veniva nutrito tutti i giorni, ma era obbligato a fare i suoi bisogni dentro alla stanza, e non è mai stato lavato. Per Sabrina, volontaria dell'associazione, Bob veniva trattato "come un oggetto messo su una mensola".

 

Fonte : Association Lisa

 

Tutti questi anni passati nel buio completo, lo hanno reso praticamente cieco. Inoltre, aveva accumulato un'enorme quantità di pelo, sporco e annodato a tal punto che i volontari hanno deciso di soprannominarlo Bob in onore dei dreadlocks di Bob Marley (il suo vero nome era Max). L'associazione ha dichiarato che al momento della toelettatura gli sono stati tolti 3 kg di pelo.

 

"Tutti sapevano che il povero cagnolino viveva rinchiuso in cantina"

 

Secondo quanto raccontato dall'associazione a proposito del salvataggio, la situazione di Bob era conosciuta da molti degli abitanti di Villers-Semeuse, il paese dove vivono i suoi proprietari.

 

Fonte: Association Lisa

 

Nessuno aveva mai osato testimoniare la situazione del povero Yorkshire e la segnalazione che è arrivata ai volontari è rimasta anonima. Bob si è potuto salvare grazie alla chiamata di una donna che ha avuto la forza di reagire. Sulla loro pagina web, i volontari esprimono la loro indignazione e ricordano quanto sia importante segnalare ogni atto di maltrattamento degli animali:

 

Siamo furiosi, nessuno ha osato raccontare la situazione… Perché? Ricordiamo a tutti che le segnalazioni restano sempre ANONIME! Chiediamo solo il numero di telefono per ricontattare il segnalatore in caso avessimo ulteriori domande.

 

Una nuova vita per Bob lo Yorkshire

 

Oggi Bob lo Yorkshire è ancora sotto la protezione dell'associazione, che ha ricevuto molti messaggi di sostegno sui social. Diversamente da quello che i suoi ex proprietari avevano dichiarato, il cagnolino avrebbe 10 anni e non 6, il che fa pensare che abbia passato ben più di cinque anni rinchiuso lì dentro.

 

Bob sembra molto affettuoso e dovrebbe presto essere pronto a raggiungere la famiglia che lo ha adottato.

 

 

Quando siete testimoni di un atto di violenza contro un animale, non aspettate di agire!
In Italia, l'artciolo 544-bis del Codice Penale prevede una pena dai 2 mesi ai 4 anni di reclusione con una pena fino ai 30 000 per chi compie animalicidio. Una pena insufficiente se si pena alle sanzioni riservate ad altri delitti.

 

* * *

Noi di Holidog vogliamo migliorare la vita degli animali da compagnia: ti aiutiamo a trovare una famiglia che si prenda cura del tuo cucciolo quando sei in viaggio (prova il servizio di petsitting) e a renderlo felice con una scatola regalo mensile piena di giochi e snack golosi (ottieni una scatola gratis). Grazie per la tua fiducia!

ADVERTISING

About the author

Elena Tinti