Storie appassionanti

Bloccato a 1.700 metri, questo cane ha abbaiato per due giorni per chiedere aiuto

ADVERTISING

Quando si parla a situazioni di pericolo in montagna, si pensa spesso ai cani eroici che soccorrono gli alpinisti bloccati  a grandi altezze. Questa volta però, nel Sud della Francia, è stato un Border Collie ad avere bisogno di soccorso ad alta quota.

 

Skype, l'avventuroso cane protagonista della vicenda, stava passeggiando sulle alture intorno alla città di Isère – vicina al confine italiano -, quando un gruppo di camosci ha attirato la sua attenzione. Non è riuscito a trattenere l'eccitazione, e ha cominciato ad inseguirli. Dopo tutto, è un cane di montagna esperto della zona, sottolineano i soccorritori.

 

Improvvisamente però Skype si è ritrovato bloccato su una sporgenza rocciosa, senza potersi muovere, a circa 1.700 metri d'altitudine. Era solo, e ha cominciato ad abbaiare forte per farsi sentire. Sfortunatamente nessuno si è accorto dei suoi latrati per due giorni. Il suo proprietario e altri abitanti della cittadina, dopo 48 lunghe ore, lo hanno sentito e hanno contattato le guardie forestali francesi.

 

chien_dans_les_bras-2994951Fonte: Christophe Stagnetto

 

Christophe Stagnetto, un abitante della regione, ha raccontato alla stampa locale che il secondo giorno tutta la vallata ha sentito i richiami di Skype. Il suo Umano ha avuto l'idea di pubblicare un messaggio sul gruppo Facebook degli abitanti di Isère. Il post si è diffuso rapidamente, e due alpinisti si sono fatti avanti per andare a soccorrere il cagnolino.

 

chien_qui_boit-2994947Fonte: Christophe Stagnetto

 

Stagnetto è salito sulla Jeep di montagna, e ha portato il gruppo di volontari più in alto possibile sui sentieri, fino a quando non hanno visto il cane bloccato sulla sporgenza. Gli alpinisti hanno dovuto arrampicarsi per ben 45 minuti prima di raggiungere l'animale, affamato, assetato e soprattutto esausto. Le 48 ore al freddo e ad una tale altitudine, infatti lo avevano stremato.

 

Il cagnolino è stato caricato sulle spalle dei volontari, che lo hanno portato sano e salvo a valle, dove lo aspettava il suo Umano. Grazie alla pronta reazione degli utenti di internet, Skype è stato salvato da una morte certa.

 

* * *

Noi di Holidog vogliamo migliorare la vita degli animali da compagnia: ti aiutiamo a trovare una famiglia che si prenda cura del tuo cucciolo quando sei in viaggio (prova il servizio di petsitting) e a renderlo felice con una scatola regalo mensile piena di giochi e snack golosi (ottieni una scatola gratis). Grazie per la tua fiducia!

ADVERTISING

About the author

Mia Conradie