In loro difesa Video

Aprono una cassa abbandonata per 7 giorni in aeroporto e fanno una scoperta sconcertante

ADVERTISING

Sette giorni.

 

tigres-caisse-aeroport-1Fonte: Animals Lebanon

 

È quanto ci è voluto perché qualcuno aprisse una grande cassa di legno posata in un angolo dell'aeroporto di Beirut (Libano). Gli impiegati del terminal hanno allora scoperto tre cuccioli di tigre siberiana di circa 4 mesi, coperti di urina ed escrementi.

 

tigres-caisse-aeroport-2Fonte: Animals Lebanon

 

La tigre siberiana è una specie particolarmente in pericolo oggigiorno. La sua pelliccia è infatti molto apprezzata, e diverse parti del corpo sono ricercatissime nel Sud-est asiatico, dove si pensa abbiano speciali virtù terapeutiche.

 

L'associazione che ha accolto i cuccioli, Animals Lebanon, scrive:

 

Non c'era nulla sulla cassa che indicasse che c'erano delle tigri dentro, né degli esseri viventi. Non c'era neanche alcun dettaglio sul destinatario o sul mittente.

 

tigres-caisse-aeroport-3
Fonte: Animals Lebanon

 

Spedite, sembrerebbe, dallo zoo di Nikolaev (Ucraina), i tigrotti erano destinati allo zoo di Samer al-Husainaw di Damasco (Siria). Il trasferimento però è stato ritardato, e l'associazione animalista ha dovuto fare pressione su un giudice libanese per obbligare l'aeroporto a aprire la cassa e liberare gli animali, divorati dai vermi.

 

tigres-caisse-aeroport-4
Fonte: Animals Lebanon

 

Il giudice ha anche autorizzato l'associazione a farsi carico dei piccoli per dispensare le cure necessarie. Animals Lebanon si sta impegnando perché i tre animali siano inviati ad un santuario per tigri, invece che allo zoo a cui erano destinati. I volontari hanno anche chiesto alla giustizia di pronunciarsi sulla loro confisca dai proprietari di diritto.

 

tigres-caisse-aeroport-5
Fonte: Animals Lebanon

 

Prima del salvataggio i tigrotti erano denominati solo da un codice a barre. Ora hanno ciascuno un nome – May, Tanya e Antoun -, e un bel caratterino.

 

Jason Mier, membro dell'associazione, spiega:

 

Antoun è più timido degli altri, ma tutti e tre giocano insieme, e sanno ormai come interagire tra di loro e con gli altri.

 

tigres-caisse-aeroport-6
Fonte: Animals Lebanon

 

I tigrotti sono stati vaccinati e trascorrono al momento giorni felici nel rifugio dell'associazione. Purtroppo però la loro situazione giuridica non è ancora chiara, e rischiano di dover tornare in Ucraina o essere trasferiti in Siria.

 

STOP BABY TIGERS FROM ENDING UP IN THE BLACK MARKET!

OUTRAGED?!?! SHARE this terrible story and help protect these three Siberian tigers.

Stuck for seven days covered in their own urine and feces in a tiny maggot infested crate. They were shoved in a crate that was only 42 centimeters high while the animals were about 60 centimeters tall. These tigers were saved from further cruel suffering and possibly death by an order of a judge.

They arrived a week earlier on a flight from Ukraine and were supposedly destined to a zoo in Syria.

Nothing indicated that the box contained tigers or even live animals, and there were no details of a shipper or receiver. Other than an Air Waybill number, the box was completely unmarked…

These four month old tigers are now in Animals Lebanon care. A specialized wildlife vet was flown in to give them all a medical examination. Their paw pads were raw and red from being covered in urine, and were their back legs and thighs. They had not received the proper vaccinations so all three were vaccinated. Only one tiger was found to have a microchip, though documents state that all three should have been microchipped.

They are improving – but they are still at risk! Big cats can be worth tens of thousands of dollars on the black market. The owner is fighting to get them back, and we are fighting for the tigers and rule of law.

Siberian tigers are protected under the Convention on International Tarde of Endangered Species (CITES). They can only be traded under very specific circumstances, and only when a number of other conditions are met.

Officials have already stated that the transport conditions do not meet the regulations of CITES or IATA Live Animal Regulations. The owner, exporter and shipper is one man listed as 'Private Entrepreneur'…

Animals Lebanon submitted today our case asking for the animals not just to be seized, but to be permanently confiscated.

The Ministry of Agriculture, Judge of Urgent Matters and Customs have all made the right decisions. Now they need a decision to permanently protect them and prevent them from becoming part of the multibillion dollar wildlife trafficking industry!

Publié par Animals Lebanon sur jeudi 30 mars 2017

In Italia, come in Libano, le condizioni di trasporto di animali da reddito restano prive di dignità e rispetto per la vita di questi esseri viventi.

 

Come riporta la LAV (Lega Antivivisezione Italiana), ogni anno 500 milioni di animali sono trasportati lungo le nostre strade: di questi, oltre 5 milioni viaggiano per migliaia di chilometri, anche per più giorni, spesso in condizioni drammatiche, con temperature torride, senza soste, cibo o acqua.

 

Per questo motivo l'associazione si batte da anni in favore una legge che ne regolamenti il trasporto e richieda controlli più ferrei.

 

Per unirti alla loro battaglia e approfondire l'argomento, recati qui.

* * *

 

Noi di Holidog vogliamo migliorare la vita degli animali da compagnia: ti aiutiamo a trovare una famiglia che si prenda cura del tuo cucciolo quando sei in viaggio (prova il servizio di petsitting) e a renderlo felice con una scatola regalo mensile piena di giochi e snack golosi (ottieni una scatola gratis). Grazie per la tua fiducia!

ADVERTISING

About the author

Andrea A.