In loro difesa News

5 cani condannati a morire di inedia ricorrono a misure estreme per sopravvivere

Ci sono storie difficili da immaginare.

 

Come quella di questi 5 cuccioli, ritrovati in stato di incuria, ammassati in una gabbia ed esposti ai capricci della stagione, in un'abitazione nella Francia Centrale.

 

Ai limiti della crudeltà, erano stati privati di cibo e acqua prima di essere rinchiusi e abbandonati a loro stessi.

 

Ad accentuare la tristezza del ritrovamento, la morte di uno di loro, probabilmente a causa di inedia, ma che in condizioni tanto precarie aveva trasformato il rischio di cannibalismo in un'atroce realtà.

 

Dopo il salvataggio, alcuni abitanti del posto hanno accolto rispettivamente i due cuccioli di Pastore Belga, un Pastore Tedesco, due Pitbull, e un incrocio di Border Collie.

 

dogs_bourges_starving_rescue_1Fonte: 30 Million d'Amis

 

La coppia, da poco trasferitasi nell'abitazione del ritrovamento a Bourges (Francia), era già stata segnalata dai vicini verso la fine di ottobre, e i soccorsi non tardano a giungere all'inizio di novembre.

 

Per rendere giustizia alle vittime di questo abuso, la coppia deve ora rispondere di maltrattamento animale, rischiando di dover pagare 30.000 euro di multa, o peggio, scontare fino a due anni di carcere.

 

dogs_bourges_starving_rescue_2Fonte: 30 Million d'Amis

 

Tre degli animali soccorsi dall'associazione 30 Million d'Amis si trovano ora presso il rifugio di Bourges, mentre due hanno già trovato una casa.

 

Anche in Italia, numerosi sono gli interventi da parte delle associazioni come ENPA o La Lega Nazionale del Cane per recuperare cani vittime di abbandono o abusi. Per aiutare i quattro zampe del nostro territorio a ritrovare la serenità in seno a una famiglia, potete adottarli recandovi nei siti delle associazioni.

 

Fonte: 30 Million d'Amis

 

* * *

 

Sullo stesso argomento

 

Questi 27 cani vivevano in condizioni agghiaccianti. I soccorritori gli ridanno fiducia negli umani

 

ADVERTISING